domenica 18 maggio 2014

Mangiare al Cavallino Bianco di Bolzano

Quando trovo scritto "hosteria" con la "H" davanti scappo a gambe levate, di finzioni plasticose ne ho piene le tasche (e non me ne vogliano nè Slow Food nè i sacerdoti del "bio").
Una delle sale interne del Cavallino Bianco, con tanto di cervo dal grande palco.
Eh sì, i sacerdoti del trend&brand mi hanno veramente snervato.
Anche per questo quando trovo un posto che non solo non inalbera la "H" ma addirittura si mimetizza dietro la dicitura "albergo", allora mi incuriosisco.
I canederli, grossi al punto giusto e impiattati coi cappucci tagliati fini (la
cameriera si assicura che io abbia compreso la differenza fra cappucci e
crauti) sono da manuale, cioè semplici ma senza difetti. Ma anche il gulasch
(completo di nervetti) non scherza. L'insalata mista di contorno è ordinaria
ma non siamo in Italia, la patria del pomodoro, e dobbiamo ricordarcelo.
E se proprio qui, in Via Bottai, nel centro storico di Bolzano, all'ora di pranzo i commessi, gli impiegati e gli artigiani del posto entrano ed escono come al supermercato, allora è meglio dare un'occhiata.
Ce n'è abbastanza per spingermi ad entrare, quei cento passi di distanza dai localini prediletti della borghesia trendy sanno quasi di mezza garanzia.
Il posto nasconde un'anima antica, lontana dal fronte strada e annidata all'interno di quel "modulo gotico" che si ripeteva in ogni centro medioevale con i suoi bravi portici sul fronte-strada e la striscia di terra dedicata all'orto all'interno.
Non è un'info da cercare in Internet, dove certe dritte non si trovano, ma ora che l'ho scovato, ci torno di sicuro perchè, come dicono a Firenze, "merita".

Alla fine, e senza contare il plus costituito dall'ambiente interno, che confina con la cucina e che da solo merita una visita, non veniamo spennati: paghiamo quasi la metà dei corrispondenti locali più trendy dei dintorni. Finchè dura...

2 commenti:

  1. ...son decenni che è così, potrebbe durare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo di sì! Qui a Trento sopravvive in uno scantinato giusto di fronte alla storica Birreria Pedavena l'altrettanto storica trattoria Al Vòlt...

      Elimina