mercoledì 8 giugno 2011

La Strada della Stanga (lato nord)

E' un ardito percorso scavato nella roccia che si intravede da lontano salendo verso il Passo della Fricca.escursioni_estive
E’ ciò che rimane della “Strada della Val Careta”, l'antica via di comunicazione fra Caldonazzo e Lavarone.
La strada venne costruita dai comuni dell'Altopiano nel 1871 sulla base del preesistente tracciato aperto nel 1698. Per ammortizzare il costo, notevole, fu stabilito un pedaggio. All'epoca la Strada del Careta era piuttosto frequentata, tanto che a metà percorso fu costruita la locanda "Alla Stanga", al tempo tappa quasi obbligata, su un poggio roccioso a precipizio sui dirupi. Durante la guerra, nel 1915, la strada fu utilizzata dagli austroungarici che costruirono il loro comando generale lungo il tracciato. Nel 1960 la strada cadde in disuso ed oggi è franata in varie parti. E' percorribile con difficoltà e pericolo solo a piedi, un cordino aiuta nei tratti più esposti.
Come arrivare: da Caldonazzo si passa il ponte sul torrente Centa in direzione Monterovere, si abbandona immediatamente la strada girando a destra, subito dopo a sinistra verso la località Pineta si sale con l’auto per strada bianca fino al bivio di quota quota 577 dove si lascia l'auto e si prosegue per il ramo di destra.
Il percorso ad anello: dal parcheggio di fortuna si sale fino al tratto franato, che è piuttosto lungo e comporta anche una perdita di quota. Risaliti all'antico percorso, si sbuca presso i ruderi della antica Osteria della Stanga. Di qui si procede in falsopiano fino al Ponte di Valimpach, dove s'abbandona la strada per ridiscendere al Torrente Centa lungo una via ferrata SAT insidiosa, umida, scivolosa e da evitare in caso di pioggia. Giunti in fondovalle si riguadagna il punto di partenza con percorso intuitivo.

3 commenti:

  1. Devo far notare che i cordini non ci sono più ed il percorso a mio avviso è particolarmente pericoloso.

    RispondiElimina
  2. Grazie per la segnalazione, sapere cosa cambia sul posto può evitare incidenti.Magari hai fatto anche il tratto sud, dall'ex-osteria all'altopiano?

    RispondiElimina
  3. Ulteriori notizie storiche scovate in Girovagandoinmontagna: http://girovagandoinmontagna.com/forums/index.php/topic,2772.msg38334.html#msg38334

    RispondiElimina