sabato 28 maggio 2011

Il sentiero dei Granatieri sul Monte Cengio

Il Monte Cengio (m 1.354) si trova sull'orlo meridionale dell'Altopiano di Asiago e domina lo sbocco della Valdastico nella pianura veneta.

Vai all'album delle fotografie.
Il Sentiero dei Granatieri.
Il monte è privo di interesse alpinistico ed è oggi conosciuto ed apprezzato a causa della presenza della mulattiera di arrocca-mento che taglia orizzontalmente gli strapiombi rocciosi sopra Cogollo del Cengio e che venne realizzata dalle truppe italiane ai tempi della prima guerra mondiale.
L'ultimo tratto del percorso (che in tutto comprende cinque gallerie) prende il nome di "La Granatiera" e va dal "Piazzale dei Granatieri" sino alla vetta.
Qui si arenò la "spedizione punitiva" degli austroungarici nel 1916.

Come arrivare: da Piovene Rocchette (Vicenza) si prende in direzione Asiago; dopo aver superato i 10 tornanti della SP349 del "Costo" e la "Barricata" si procede per circa 2 km fino alla località Campiello. Sulla sinistra si trova la strada asfaltata che porta al Monte Cengio.
Un primo parcheggio è situato al Piazzale Principe del Piemonte, da cui parte il sentiero panoramico che taglia orizzontalmente lo strapiombo roccioso fino al Piazzale dei Granatieri e poi alla cima.
Volendo è possibile proseguire in auto fino al Piazzale dei Granatieri, dove si trova il rifugio (privato) Al Granatiere e da qui raccordarsi all'ultimo tratto di sentiero, sempre scavato nella roccia e che prende il nome di "La Granatiera".
Dalla cima e dalla mulattiera sospesa sopra alte pareti rocciose, si gode un vasto panorama sulla sottostante Val d'Astico e sulla dirimpettaia catena dei monti Summano-Novegno-Priaforà. Il sentiero è adatto a tutti, non presenta particolari difficoltà ed è interamente protetto da un corrimano di cordino d'acciaio. Si attraversano cinque gallerie, di cui una lunga: portare la torcia elettrica.
Testi ripresi dai tabelloni esplicativi disposti lungo il percorso:
● Il 15 maggio 1916, ad un anno dall'inizio della prima guerra mondiale, l'esercito austro-ungarico lanciò un'offensiva sugli altipiani trentini e veneti, meglio conosciuta come Strafexpedition, al fine di invadere la pianura padana e prendere alle spalle l'esercito italiano schierato sul Carso. Il 28 maggio 1916, dopo aver superato in ripetuti assalti le linee difensive italiane, i fanti imperiali entrarono ad Asiago e si prepararono ad affrontare l'ultimo baluardo montano a guardia della pianura vicentina: il pianoro del Monte Cengio.
Lo stesso giorno il Gen. Cadorna aveva inviato sull'Altopiano dei Sette Comuni la Brigata Granatieri di Sardegna, comandata dal Gen. Pennella, con il compito di fermare l'avanzata austriaca sulle ultime propaggini meridionali della montagna.
I soldati italiani occuparono alcuni rilievi a nord (corona) del Cengio, Monte Barco, Monte Belmonte, quota 1152 di Cesuna, oltre naturalmente allo stesso sistema montuoso del Cengio. Su queste posizioni combatterono per giorni senza cannoni, con poche munizioni e con scarse riserve di viveri ed acqua.
Il 3 giugno 1916, dopo aver respinto per giorni i furiosi assalti degli austro-ungarici, subendo gravi perdite, i granatieri si trovarono circondati nelle trincee del Monte Cengio. Con un ultimo assalto, l'esercito imperiale conquistò la montagna, catturò ufficiali e semplici granatieri che non erano riusciti a sfuggire all'accerchiamento e che avevano tentato di resistere fino all'ultimo in trincea.
La strada che dalla ex stazione ferroviaria di Campiello congiunge ancora oggi la Val Canaglia con il Monte Cengio, era allora l'unica via carrozzabile utilizzata per il rifornimento di viveri e munizioni alle truppe in trincea. Il 2 giugno 1916, gli austriaci riuscirono ad attestarsi a ridosso di Monte Barco da dove con delle mitragliatrici opportunamente posizionate impedirono alla corvées di portare i rifornimenti ai granatieri e ai fanti impegnati nei combattimenti, di fatto isolandoli dal resto delle truppe italiane.
Il 3 giugno, giorno dell'assalto finale, gli imperiali scesero nella Val Barchetto e assalirono l'ala destra della linea italiana, improvvisate trincee scavate sulle alture del Cengio, piegando la resistenza dei soldati del Regio Esercito. Di circa 10.000 uomini che erano giunti ad Asiago, riuscirono a salvarsi in poco più di 1.000. Alla sera del 3 giugno il Monte Cengio era in mano austriaca, ma le perdite furono alte anche per gli imperiali e il sacrificio della Brigata Granatieri di Sardegna era riuscito a fermare per sempre la discesa in pianura dei fanti dell'Imperatore Francesco Giuseppe. Con i granatieri combatterono i fanti delle Brigate Catanzaro, Novara, Pescara e Modena.

● Al termine della Strafexpedition, gli austriaci si ritirarono dai territori occupati e, il 24 giugno 1916, le truppe italiane ripresero possesso del Monte Cengio e di tutto il pianoro circostante fino alla Val d'Assa. I comandi italiani decisero di predisporre una serie di opere difensive, articolate su tre successive linee: la linea di massima resistenza, la linea di resistenza ad oltranza, la linea di difesa marginale.
La "linea di massima resistenza" era formata da tanti piccoli posti di sorveglianza, situati in posizione avanzata sul ciglio della Val d'Assa, a guardia dei sentieri che dal fondo della valle risalivano gli scoscesi dirupi.
La "linea di resistenza ad oltranza", la più importante, era in realtà un sistema di postazioni difensive, unite tra loro da un unica lunga trincea, costruite proprio sulle quote dove i granatieri avevano combattuto per la difesa dell'Altopiano. Il Monte Cengio, il Monte Barco, il Monte Belmonte, Monte Busibollo, Malga Ciaramella, divennero altrettanti fortini naturali che, supportandosi a vicenda, costituirono un complesso difensivo che, peraltro, non venne più direttamente interessato da vicende belliche. La Val Barchetto fu compresa nel sistema difensivo di Monte Barco e attraversata da un sistema difensivo che collegava il caposaldo di quota 1363 (a sinistra) con le trincee principali dello stesso Barco (a destra), lasciando peraltro libera la rotabile utile per il trasporto del materiale.
Infine, la "linea di difesa marginale", mai ultimata, costituiva l'ultima linea difensiva che, sfruttando le alture che delimitavano a sud l'altopiano di Asiago, doveva servire a fermare eventuali attacchi austriaci, nella probabilità che avessero ceduto le due altre linee di difesa.
Il settore di Monte Cengio, per la sua importanza e per la sua posizione, era compreso nella "linea di resistenza ad oltranza" e a sua volta contava sui suoi capisaldi difensivi delle quote 1363, 1312, 1351, 1356 e 1332, rilievi che si alzano sui dirupi della Val d'Astico. Per collegare tra loro i sistemi difensivi si costruì una mulattiera di arroccamento, in seguito denominata "La Granatiera" in onore del Corpo che qui difese la pianura veneta.

●  La galleria comando, situata alle pendici di quota 1351, costituiva anche l'ingresso alle caverne dove erano situati i pezzi d'artiglieria da 149 mm.
I cannoni qui posizionati avevano il compito di ostacolare l'avanzata austriaca lungo la Val d'Astico e proprio la loro efficace azione costrinse i comandi austriaci a dover conquistare, nel più breve tempo possibile, il Monte Cengio.
Durante la battaglia del giugno 1916, i cannoni vennero portati all'aperto, sul piazzale dinnanzi all'entrata della galleria, da dove contrastarono, anche se solo per poco tempo, gli assalti dei soldati imperiali. Terminate le munizioni, rimasero inutilizzati.
Nella galleria il Cap. Federico Morozzo della Rocca, comandante del IV Battaglione del I Reggimento Granatieri di Sardegna, situò il comando del settore del Cengio. La caverna fungeva anche da posto di primo soccorso sanitario e qui vennero ammassati i feriti durante l'attacco risolutivo del 3 giugno.
Ricordo il Ten. Giacomo Silimbani, Aiutante Maggiore in II del Cap. Morozzo della Rocca: "Venni portato al posto di medicazione situato in caverna, già pieno di feriti e posto in una barella. Fuori il combattimento era accanitamente impegnato ma io non sentivo che il frastuono confuso. Mentre un caporalmaggiore di sanità stava fasciandomi la seconda ferita, irruppero nella caverna gli austriaci ... Semisvenuto venni trasportato dagli stessi granatieri portaferiti, per ordine di un ufficiale austriaco, al poso di medicazione nemico e poi a Pedescala, presso una sezione di sanità".

● La quota 1.351 pur non essendo la cima più alta del sistema montuoso del Cengio, è la cima principale del monte.

Proprio per la sua importanza tattica, era considerata dagli austriaci l'obiettivo principale dell'attacco del Monte Cengio. Ai sui piedi i Granatieri stesero la linea difensiva principale e nelle sue viscere era situato il comando del Monte Cengio. Presa più volte di mira dall'artiglieria austriaca, fu aspramente contesa dai Granatieri nell'assalto finale del 3 giugno 1916, tanto da meritarsi il titolo di "Salto dei Granatieri" o "del Granatiere", a ricordo della disperata difesa.

Scrisse il Gen. Pennella, comandante della Brigata Granatieri di Sardegna: "Si narrava già di aver veduto rotolare per le rocce strapiombanti sull'Astico nel furore dell'ardente lotta, grovigli umani di austriaci e granatieri!".
Questa la testimonianza dell'Asp. Franco Bondi, ufficiale del IV Battaglione del I Reggimento Granatieri di Sardegna: "Improvvisamente poi verso le 2 pomeridiane, il nemico ci assalì alle spalle e contemporaneamente anche di fronte, data la sorpresa e le condizioni disperate in cui mi trovavamo si svilupparono una serie di combattimenti singolari con bombe a mano e fucileria da parte del nemico e all'arma bianca da parte nostra ... Fui testimone oculare di atti di eroismo dei miei granatieri, e di quelli della sezione mitragliatrici che si trovava immediatamente alla mia destra, di cui un caporal maggiore, servente continuò a far fuoco coll'arma fino a che fu ucciso a baionettate sul pezzo e così pure le vedette, sorprese dall'attacco furono finite a baionettate".

● Sul rovescio di quota 1.363 inizia la mulattiera di arroccamento che collegava lo stesso caposaldo con quello di quota 1.351 e che permetteva il controllo della Val Cengiotta e della sottostante Val d'Astico.
La mulattiera, defilata alla vista degli austro-ungarici, permetteva il trasferimento celere e al coperto delle truppe da un settore all'altro del Cengio, pronte ad intervenire in caso di attacco austriaco.
Per questo era provvista di cinque gallerie, con robusta massa coprente e adatte a fungere quale ricovero per le truppe in caso di bombardamento. Infine, per permettere alle truppe un rapido accesso alle linee difensive scavate a monte della mulattiera, erano state predisposte delle scale dalle quali accedere velocemente alle trincee superiori.
Al sentiero a strapiombo sullo scoscendimento marginale roccioso sud del Cengio è stato dato il nome di "Granatiera" a ricordo della Brigata Granatieri di Sardegna, che su queste alture difese le sorti della guerra e dell'Italia. Il tratto di sentiero di quota 1.312 comprende la galleria principale, lunga metri 187 e di sezione metri 3 per 4, dove è stato anche costruito un serbatoio d'acqua in cemento della capacità di m cubi 130.
La mulattiera doveva essere collegata alla Val d'Astico da una teleferica, che però non venne mai ultimata. I lavori in questione furono in gran parte opera del Comando Genio della 12^ Divisione e diretti dal Capitano Ignazio Pace.

Nessun commento:

Posta un commento